Factoring esempio di cessione credito

Factoring esempio: cos’è e come funziona

Il factoring è una forma contrattuale di origine anglosassone che ha come oggetto il trasferimento di crediti commerciali da un’impresa al factor, ossia un ente professionale specializzato nella cessione del credito, che può essere una banca o una società abilitata. L’impresa si impegna a cedere i crediti vantati nei confronti di un cliente e il factoring a sua volta si assume il compito di gestire parte della contabilità e riscuotere i crediti ceduti dietro il pagamento di una commissione.

Cedendogli i crediti, la società riceve dal factor degli anticipi sulle somme cedute ottenendo, quindi, una liquidità immediata. Il factor assume quindi nei confronti dell’impresa cliente anche un ruolo di finanziatore, poiché consente l’incasso del credito prima della sua scadenza.

Factoring esempio: come funziona al livello fiscale

Per quanto riguarda l’aspetto fiscale, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito nella nota n. 126747 del 2004, che nel nostro ordinamento l’operazione di factoring non è riconducibile ad attività di recupero crediti, ma ha natura e finalità finanziaria. Per questo l’operazione è esente dall’IVA.

Una decisione presa alla luce del fatto che nella maggior parte dei casi il factor concede all’impresa degli anticipi sull’ammontare dei crediti da incassare, svolgendo quindi un’attività di finanziamento, che in alcuni casi può estendersi alla garanzia del credito in caso di insolvenza. In quest’ultimo caso si parla di cessione del credito pro soluto, altrimenti la cessione si dice pro solvendo.

Factoring esempio pro soluto

Ma come funziona nella pratica la cessione dei crediti? Una società cede al factoring un credito a tre mesi per un importo di 10 mila euro, con la clausola pro soluto. Avviene quindi un accredito immediato pari al 60% del credito al netto di interessi passivi (300 euro) e commissioni (700 euro).

L’impresa cliente andrà quindi a percepire un anticipo di 5 mila euro, mentre mille euro saranno il compenso del factor. Il restante 40% del credito sarà saldato al momento dell’incasso del credito originario, previsto appunto tre mesi dopo.

Poiché si tratta di factoring pro soluto, in caso di inadempimento dal parte del cliente ceduto il factor non potrà chiedere indietro le somme anticipate. In questo tipo di cessione, infatti, l’imprenditore si impegna a garantire l’esistenza del credito, ma non la solvenza del creditore.

È bene precisare inoltre che l’anticipo sulle somme non è previsto nel factoring pro solvendo, in cui i crediti sono trasferiti all’impresa cedente al momento dell’incasso dei medesimi. In questo caso l’attività del factor riguarda solo la gestione dei crediti dell’impresa e il cedente garantisce sia l’esistenza del credito che la solvenza del debitore.

Factoring ultime notizie

Factoring definizione: cos’è e a cosa serve Factoring definizione e caratteristiche principali Con il termine “factoring” si indica un particolare tipo di contratto attraverso il quale un imprenditore (detto "cedente") si impegna a cedere tutti i crediti, presenti e futuri, vantati nei confronti di un cliente, ad un altro soggetto professionale che prende il nome di “factor”. Il factor si impegna, a sua volta, a fornire al cedente una serie di servizi, che possono andare dalla gestione...
Maturity factoring: cos’è? Quali i vantaggi? Caratteristiche del maturity factoring Tra le varie tipologie di factoring disponibili nel circuito finanziario nazionale, troviamo il maturity factoring, attraverso il quale l’impresa richiede al factor di svolgere per suo conto, le operazioni legate alla gestione e alla riscossione dei crediti. La società di factoring provvedere al versare una somma pari al valore nominale dei crediti ceduti, alla loro naturale scadenza. In altre parole il ...
Reverse factoring cos’è e a chi è rivolto Reverse factoring: di cosa si tratta e a chi si rivolge Il reverse factoring, noto anche come factoring indiretto, è un contratto che prevede l’inversione della logica applicata nel factoring tradizionale. Pensato per le imprese che hanno significativi volumi di acquisti e desiderano un’assistenza completa per la gestione dei debiti di fornitura, il reverse factoring prevede che l’operazione di cessione dei crediti avvenga su richiesta dell’impr...
Factoring pro solvendo: quali i vantaggi? Cos’è il factoring pro solvendo Il termine factoring indica un particolare tipo di contratto con cui un imprenditore (detto cedente) si impegna a cedere i crediti presenti e futuri scaturiti dall’attività lavorativa ad un altro soggetto professionale, il factor. A fronte della cessione dei crediti il factor fornisce all’impresa una serie di servizi che spaziano dalla tenuta della contabilità, alla gestione e riscossione dei crediti (tutti o s...
Factoring bancario, i vantaggi della cessione dei crediti Cos’è il factoring bancario Il factoring è un particolare contratto che consente a un’impresa di cedere i crediti, presenti e futuri, vantati nei confronti di un cliente, ad un altro soggetto professionale, detto factor, che in cambio si impegna a fornire all’impresa vari servizi. Il ruolo del factor può essere ricoperto sia da una banca che da una società finanziaria. Il factoring bancario consente di coniugare i vantaggi del factoring alla ...
Factoring pro solvendo costi e servizi offerti Factoring pro solvendo definizione Il factoring è una figura negoziale di matrice anglosassone, che indica un particolare contratto con il quale un imprenditore (che prende il nome di “cedente”) si impegna a cedere i crediti, presenti e futuri, scaturiti dalla propria attività a un altro soggetto professionale, denominato factor. Il factor, che può essere una società specializzata o una banca, assume, a sua volta, l’obbligo a fornire una seri...