Finanziamento auto senza busta paga e reddito fisso

Come ottenere prestiti senza busta paga per acquisto auto

Ottenere un finanziamento auto senza busta paga non è certo un’impresa facile, tuttavia chi non dispone di un reddito dimostrabile può ricorrere ai prestiti senza busta paga. Ma prima di analizzare come accedere al credito, vediamo cosa indica esattamente la terminologia “senza busta paga”.

A differenza di quanto si poterebbe pensare, infatti, non si tratta di finanziamenti accessibili a chi non ha una retribuzione, ma rivolti a quanti dispongono di un’entrata mensile che non può essere certificata. In caso contrario, ossia in assenza di un’entrata fissa, nessun istituto di credito concede un prestito (se non a fronte di adeguate garanzie ipotecarie), a prescindere da quale sia la situazione.

Ma come ottenere un finanziamento auto senza busta paga? Quali le garanzie necessarie? Sono molti i modi per accedere un prestito auto in assenza di un reddito fisso dimostrabile, anche con contratto di lavoro a tempo determinato o con lavoro precario: basta avere le garanzie necessarie.

Finanziamento auto senza busta paga: le garanzie alternative

È possibile ad esempio ottenere un finanziamento auto senza busta paga presentando una dichiarazione dei redditi, attestante l’effettiva capacità di rimborso del creditore. Una soluzione ideale per tutti i soggetti che lavorano con contratti a progetto, di collaborazione o di prestazione d’opera.

Allo stesso modo possono presentare la dichiarazione dei redditi (in questo caso il CUD, o il modello UNICO) a garanzia del finanziamento tutti i lavoratori autonomi, come gli artigiani, i commercianti, gli imprenditori e i liberi professionisti. Chi invece non ha un reddito da lavoro dimostrabile, ma ha una retribuzione per cui nel proprio conto corrente vi sono dei regolari versamenti che dimostrano l’esistenza di un’attività lavorativa, può presentare l’estratto conto bancario.

Prestito senza busta paga con immobile di proprietà

Va precisato che questa opzione è valida solo per i lavoratori assunti con contratto a ore, a progetto, contratto di collaborazione o prestazione d’opera. Altra garanzia alternativa alla busta paga è un immobile di proprietà su cui apporre un’ipoteca. Ovviamente questo dovrà avere un valore superiore alla somma richiesta, spesso è richiesto un immobile con valore pari al 200% del capitale concesso.

In caso di insolvenza l’istituto di credito può richiedere la vendita dell’immobile per recuperare così il capitale finanziato. È bene precisare che la sottoscrizione di un’ipoteca non determina per il richiedente la perdita della proprietà dell’immobile.

Come ultima alternativa per ottenere in finanziamento auto senza busta paga suggeriamo di utilizzare un canone di locazione percepito per un immobile di proprietà affittato a terzi. La somma percepita mensilmente costituisce una retribuzione fissa in grado di sostituire la busta paga, da questa dipenderanno rata mensile e capitale massimo erogabile.

Factoring ultime notizie

Recupero crediti: come difendersi da chi non paga Recupero crediti: fase stragiudiziale Quando un debitore non è nella condizione di poter/voler far fronte agli oneri assunti, si determina una situazione in cui è necessario un intervento di recupero crediti. Vi sono varie modalità per tornare in possesso delle somme dovute e quella giudiziaria non è la prima da prendere esame, dati i costi e le tempistiche. Conviene anzitutto cercare di risolvere il problema in forma stragiudiziale, ovvero m...
Cessione del credito pro solvendo: in cosa consiste? Cessione del credito: una opportunità di finanziamento Una delle difficoltà che le imprese stanno vivendo riguarda la riscossione dei crediti. Se da un lato molte realtà non riescono a far fronte ai propri debiti, dall’altro c’è chi entra in sofferenza perché vede privarsi della liquidità che gli spetta. Per risolvere questo problema alcune società, chiamate factor, prendono in gestione il credito per portarlo alla solvibilità. L’istituto del...
Cessione del credito codice civile: la disciplina giuridica Quali sono le indicazioni della disciplina giuridica in merito a cessione del credito codice civile? Passiamo in rassegna gli articoli che regolano lo svolgimento del negozio giuridico in questione. Cessione del credito: ecco a quali articoli del codice civile fare riferimento In merito a cessione del credito codice civile è necessario fare riferimento all’articolo 1260 e ai successivi. Secondo quanto stabilito da questa normativa, il contra...
Infografica sui nuovi regolamenti per il credito dei prestiti inpdap Ecco l'infografica pubblicata nel portale inpdappresiti.it che spiega i nuovi regolamenti per i prestiti inpdap ed i relativi mutui.     Maggiori dettagli sono disponibili qui: http://www.inpdapprestiti.it/infografica-regolamenti-sui-prestiti-e-mutui-ipotecari-edilizi/
Atto di cessione del credito, cos’è? Cessione del credito: cos’è e chi vi partecipa Ogni volta che si parla di atto di cessione del credito è necessario valutare con attenzione le sue caratteristiche. La cessione del credito è il processo che determina il trasferimento di diritti creditizi nei confronti di un debitore a un terzo soggetto. Il terzo soggetto in questione è detto cessionario nell’ambito di quello che è a tutti gli effetti un contratto bilaterale. Fondamentale perch...
Contratto di cessione del credito Contratto di cessione del credito in garanzia La cessione del quinto è un intervento reso possibile grazie all’introduzione, nel codice civile, degli articoli 1260 e successivi. Un contratto di questo genere prevede la cessione del diritto di credito nei confronti di una figura terza, che si incaricherà di riscuotere il debito oggetto della cessione. Nel contratto di cessione del credito fanno parte i seguenti soggetti: il cedente, ossia ...