Recupero crediti: come difendersi da chi non paga

Recupero crediti: fase stragiudiziale

Quando un debitore non è nella condizione di poter/voler far fronte agli oneri assunti, si determina una situazione in cui è necessario un intervento di recupero crediti. Vi sono varie modalità per tornare in possesso delle somme dovute e quella giudiziaria non è la prima da prendere esame, dati i costi e le tempistiche.

Conviene anzitutto cercare di risolvere il problema in forma stragiudiziale, ovvero mediante una collaborazione con il debitore. Affidandosi a una società specializzata nel recupero crediti o a un legale, si potrà cercare di definire un processo di rientro del capitale con il debitore. Si possono impiegare diversi strumenti, dai solleciti al contatto in prima persona.

Società recupero crediti, messa in mora

Se non si ottiene nessun riscontro, il passaggio successivo è compiuto dalla messa in mora: è una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno che richiede, in modo formale, al debitore di restituire la cifra entro un certo lasso di tempo. Superata questa soglia verrà istruito un procedimento giudiziario.

Per appurare l’effettiva utilità dell’azione giudiziaria, il creditore può compiere degli accertamenti patrimoniali. Il precorso giudiziale permette in primo luogo di conseguire un titolo esecutivo, documento che permette di compiere l’esecuzione forzata inerente ai beni del debitore.

Di solito si sceglie la via dell’azione giudiziaria solo quando le verifiche degli accertamenti patrimoniali hanno avuto esito positivo. Tradotto in altri termini, solo quando il debito dispone effettivamente di un capitale capace di saldare il denaro dovuto. Qualora risultino assenti beni pignorabili, nella maggior parte dei casi appare poco conveniente l’intervento giudiziario.

Agenzia recupero crediti, le vie giudiziarie

In base al caso in esame, il credito può scegliere tra:

  • Ricorso per ingiunzione: qualora il creditoria disponga di prove che possano appurare il suo diritto, può ricevere il titolo esecutivo. Il credito deve risultare: certo, ossia acclarato da prove oggettive, liquido (definito chiaramente nella sua entità) ed esigibile.
  • Precetto su titoli: si verifica qualora il creditore disponga di titolo esecutivo, potrà pretendere l’immediata esecuzione forzata compiuta sulle proprietà del soggetto debitore.
  • Pignoramento: questo consente di vincolare i beni individuati dall’esecuzione forzata. Rappresenta il momento d’avvio dell’intervento esecutivo teso alla sottrazione coattiva di certi beni al debitore.
  • Sequestro conservativo: consiste in un intervento volto a tutelare il creditore. Il sequestro conservativo si determina quando appare chiara la sussistenza del credito e vi è un rischio oggettivo di perdere i beni posti a garanzia del credito.
  • Fallimento: si verifica quando il debitore è un imprenditore commerciale ed è in una condizione di insolvenza. È un sistema che permette di conseguire, in modo coattivo, il credito vantato.

Factoring ultime notizie

Prestiti immediati: tutte le informazioni per richiederli I prestiti immediati rappresentano un’opzione molto vantaggiosa per diversi motivi, il primo dei quali riguarda la possibilità, in alcuni casi, di richiederli senza bisogno di presentare la busta paga. Prestiti veloci: le principali tipologie I prestiti immediati comprendono diverse tipologie di prodotti di accesso al credito. Tra i più importanti è possibile ricordare i prestiti cambializzati. Di cosa si tratta? Di finanziamenti che si basano ...
Contratto di cessione del credito Contratto di cessione del credito in garanzia La cessione del quinto è un intervento reso possibile grazie all’introduzione, nel codice civile, degli articoli 1260 e successivi. Un contratto di questo genere prevede la cessione del diritto di credito nei confronti di una figura terza, che si incaricherà di riscuotere il debito oggetto della cessione. Nel contratto di cessione del credito fanno parte i seguenti soggetti: il cedente, ossia ...
Cessione del credito pro solvendo: in cosa consiste? Cessione del credito: una opportunità di finanziamento Una delle difficoltà che le imprese stanno vivendo riguarda la riscossione dei crediti. Se da un lato molte realtà non riescono a far fronte ai propri debiti, dall’altro c’è chi entra in sofferenza perché vede privarsi della liquidità che gli spetta. Per risolvere questo problema alcune società, chiamate factor, prendono in gestione il credito per portarlo alla solvibilità. L’istituto del...
Cessione del credito IVA: i casi dell’esenzione Cessione del credito Iva: una distinzione imprescindibile La cessione del credito è un istituto complesso, come forse alcuni di voi già sapranno, e lo è per almeno due ordini di ragioni. La prima è rappresentata dalle varianti esistenti, che sono numerose. La seconda è costituita invece dagli usi possibili, che spesso trascendono l’ambito della gestione del credito (ambito originario) e coinvolgono funzioni importanti come quelle inerenti al fin...
Atto di cessione del credito, cos’è? Cessione del credito: cos’è e chi vi partecipa Ogni volta che si parla di atto di cessione del credito è necessario valutare con attenzione le sue caratteristiche. La cessione del credito è il processo che determina il trasferimento di diritti creditizi nei confronti di un debitore a un terzo soggetto. Il terzo soggetto in questione è detto cessionario nell’ambito di quello che è a tutti gli effetti un contratto bilaterale. Fondamentale perch...
Infografica sui nuovi regolamenti per il credito dei prestiti inpdap Ecco l'infografica pubblicata nel portale inpdappresiti.it che spiega i nuovi regolamenti per i prestiti inpdap ed i relativi mutui.     Maggiori dettagli sono disponibili qui: http://www.inpdapprestiti.it/infografica-regolamenti-sui-prestiti-e-mutui-ipotecari-edilizi/